Consultare le visure camerali online sarà tutt’altra storia da oggi in poi. La nuova riorganizzazione delle camere di commercio italiane ha consentito un nuovo assetto della classica scheda informativa sulle aziende.

Se in passato le visure camerali online erano identiche alle visure camerali richieste agli sportelli (senza alcuna possibilità di utilizzare la Rete), adesso il QR Code inserito nelle visure camerali online sui siti dedicati potrebbe diventare un segnale di svolta.

Perché utilizzare il QR Code? Il codice riconoscibile da tutti gli smartphone (ormai diffusissimi) consente di andare direttamente alla visura camerale di interesse, senza doversi recare in ufficio o avere a disposizione un computer.

Il QR Code porta direttamente al sito del Registro delle Imprese e mostra le informazioni principali contenute nelle visure camerali. Anche il layout della scheda online è cambiato profondamente per venire incontro alle esigenze degli addetti ai lavori.

I paragrafi ora sono divisi per consentirne una maggiore leggibilità, per esempio. Le nuove visure camerali online saranno disponibili per imprenditori che vogliano saperne di più su fornitori e clienti, società di recupero crediti e tutti gli operatori che prima dovevano fare lunghe code per poter ottenere una visura camerale.

Quali sono i dati in primo piano delle nuove visure camerali? Nelle prime righe, l’imprenditore potrà verificare: proprietario, sede, numero di partita Iva e ragione sociale dell’azienda riconducibile al documento.

Con il QR Code, poi, l’imprenditore potrà verificare tutta la documentazione che riguarda quell’attività e che è presente nel Registro delle Imprese. Il click non serve più, ma basta un touch.

L’innovazione tecnologica voluta dalle camere di commercio è un modo per risparmiare tempo, anche se non sostituisce ancora una formale richiesta per la visura camerale.

Se l’imprenditore sta firmando un contratto e vuole saperne di più, le nuove visure camerali online sono ottime per dare un’occhiata. Per accertamenti più approfonditi, però, è sempre consigliabile rivolgersi agli sportelli e agli operatori del settore, che potranno fornire visure camerali con maggiori informazioni.

Il QR Code è utilizzato ampliamente nelle campagne pubblicitarie e ora passa nei documenti ufficiali come le visure camerali, per dare slancio e un po’ di velocità a una burocrazia definita “lenta e farraginosa”.

Commenta

  1. Assunzioni: novità in arrivo per il settore pubblico - Il Professionista

    […] fare per le nuove assunzioni e soprattutto per rendere più efficiente la Pubblica Amministrazione (qui abbiamo parlato dell’innovazione nelle camere di commercio) e i servizi resi ai cittadini […]

I Commenti sono chiusi